Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

LUIGI GIURA UN GRANDE FIGLIO DEL REGNO DELLE DUE SICILIE

Posted by on Mag 16, 2018

LUIGI GIURA UN GRANDE FIGLIO DEL REGNO DELLE DUE SICILIE

I Giacobini Napoletani, non si sa se possiamo definirli italiani nati a Napoli o francesi nati a Napoli, ignorando la millenaria storia di Napoli hanno edificato a loro simbolo, proponendocela in tutte le salse, Eleonora Fonseca Pimentel.

“Donna Eleonora”, noi lazzari-sanfedisti così la conosciamo, è un personaggio, nato a Roma ma Portoghese di origine, di una mediocrità più unica che rara che per questo merita la prima posizione a discapito di uno dei tanti Napoletani, che hanno reso grande non solo il Regno ma l’universo intero, e che, per quanti sono, potrebbero riempire una trentina di Tomi.

Certamente tra questi c’è anche Luigi Giura, un ingegnere cresciuto alla corte dei Borbone dopo aver studiato al Politecnico di Napoli oggi conosciuto come Università Federico II, che ha progettato e costruito il “Ponte Meraviglioso” sul Garigliano, cosi chiamato da Domenico Iannantuoni.

Grazie al “Comitato Luigi Giura”,  comitato nato su ispirazione dello stesso Iannantuoni e grazie alla ferrea volontà di un gruppo di “Traettesi”, abitanti dell’antica Traetto odierna Minturno,  che hanno deciso di far conoscere al mondo la grandezza del Genio Napolitano, domenica scorsa abbiamo potuto ammirare il ponte insieme ad uno spettacolo teatrale identitario di ottima fattura, ne parleremo in seguito.

Di seguito potete ammirare un video dove il Pres, Emiliano Pimpinella, non nomino tutti i soci fondatori non per mancanza di rispetto ma per una mia mancanza di memoria, spiega con amore a passione la storia del ponte, manca la parte finale dedicata alla spiegazione tecnica perché avevo esaurito la memoria tecnologica,  e un articolo pubblicato dallo stesso associazione.

L’ultimo pensiero lo dedico alla “Federico II” di Napoli che s’è fatta notare soprattutto per la sua assenza quando, a rigor di logica, doveva stare in prima fila, chissà se l’avesse progettato Donna Eleonora!!!!

Claudio Saltarelli

 

 

Straordinario successo per il compleanno del Ponte Real Ferdinando

 

In un’incantevole cornice naturale e con la partecipazione di un numeroso pubblico attento e interessato, si è festeggiato domenica 13 maggio il “Compleanno del Ponte”, per celebrare i 186 anni dalla inaugurazione del Ponte Real Ferdinando (10 maggio 1832).

In una sorta di staffetta ideale, al termine della toccante rappresentazione teatrale “Briganti”, scritta, diretta e magistralmente interpretata da Gianfranco Berardi, primo appuntamento tra quelli previsti nei giardini del Ponte per la rassegna di spettacoli “Solcare Minturnae” organizzata dal Comune di Minturno, il “testimone” è passato a Emiliano Pimpinella, Presidente del Comitato Luigi Giura.

Il racconto delle meraviglie architettoniche del Ponte e dei principali eventi storici dell’epoca ha catturato l’interesse del pubblico a tal punto che si è proseguito nella descrizione dell’opera dell’Ingegnere Giura ben oltre il tempo previsto. Pimpinella ha poi invitato tutti i presenti ad attraversare il Ponte… e qui si è concretizzato un momento davvero toccante, con il ponte pacificamente “invaso” da un fiume di persone che ha continuato a porre domande sul monumento e sugli eventi storici locali, mostrando interesse e apprezzamento alla visita guidata.

Non poteva esserci un modo migliore per celebrare il “compleanno” del Ponte e ricordare l’Ingegnere Giura. Il Comitato ringrazia tutti i partecipanti e tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione della visita guidata, a partire dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Frosinone, Latina e Rieti e dal Comune di Minturno.
Il successo della manifestazione è un colpo di sprone a proseguire nella valorizzazione del Ponte Real Ferdinando. Arrivederci al prossimo evento!

fonte

http://www.comitatoluigigiura.it/2018/05/14/straordinario-successo-per-il-compleanno-del-ponte-real-ferdinando/

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: