Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Laude de Cecca da 01-Letteratura Napoletana dal Duecento al Settecento

Posted by on Lug 13, 2019

Laude de Cecca da 01-Letteratura Napoletana dal Duecento al Settecento

Pozza cade’ dinto a na cacamagna,…../4 Cloaca massima
E ’scìreme le bezzole e la rogna, ………/Uscirmi bitorzoli
Si non sì doce comme na lasagna
E cchiù pastosa che non è la nzogna. ../Sugna
Sse zizze che me teneno ’n coccagna
So’ retonnelle comm’ a doi cotogna,
Sso pietto liscio cchiù de na castagna
Pare no giesommino catalogna; …/Gelsomino della Catalogna
Sse trezze so’ de Venere la ’nzegna, …/Insegna, bandiera
Ss’ uocchie non songo, no, fauze de cugno, /Non falsi di conio
Ssa faccie è colorita comm’a gregna…../Come a grano maturo
Iesce, su, Cecca, e non me fa’ lo grugno!
Se n’opera vuoi fa’ de laude degna
De sto vrachiero mio fatte no mugno……/5 Brache – Fazzoletto.
Note-
4 Sgruttendio usa il congiuntivo, scomparso successivamente dal dialetto napoletano e sostituito con l’indicativo: io pozzo.
5 Mugno, fazzoletto per coprire la testa. Detta anche magnosa. *Domenico Basile. La femmena have ncapo la magnosa, / Che segnifica essere norata, / E s’essa puro te volesse bene, / Che meglio porria fa, se nò nfoire,…

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.