Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

TERRA DI LAVORO NEL 1609 NEL REGNO DI NAPOLI

Posted by on Nov 14, 2021

TERRA DI LAVORO NEL 1609 NEL REGNO DI NAPOLI

Il Regno di Napoli diviso in dodici provincie, con una breve descrittione delle cose più notabili; i nomi delle città, terre e castella che vi sono, con la nuova numeratione; i re che vi han regnato et i viceré stativi da Bellisario in qua, i principi, duchi, marchesi e conti che vi sono al presente; i sette officii del Regno, con i cavalieri del Tesone, che hora vi sono; i vescovadi et arcivescovadi che sono in ciascuna provincia, li ius patronati del re, le terre di demanio e le camere riservate, con i pagamenti che fanno alla Regia Corte, e le famiglie nobili delle città più principali, raccolte per Henrico Bacco alemanno.

All’illustrissimo et eccellentissimo signor Marino Caracciolo duca d’Atripalda, con privilegio.

Read More

… e con gli Aragona la Sicilia diviene un vice-regno/ Storia della Sicilia del professore Massimo Costa 23

Posted by on Nov 2, 2021

… e con gli Aragona la Sicilia diviene un vice-regno/ Storia della Sicilia del professore Massimo Costa 23
  • Come fu che Ferdinando I d’Aragona divenne anche re di Sicilia
  • La Regina Vicaria Bianca, assediata psicologicamente, alla fine molla e arriva il figlio del re, Giovanni di Peñafiel, come Vicario
  • Il breve regno di Ferdinando I: i Siciliani ci “provano” ancora, chiedendo di separare le corone e affidare la Sicilia a Giovanni
  • Alla morte di Ferdinando I, Alfonso il Magnanimo richiama di gran corsa il fratello, temendo il Separatismo siciliano, e al suo posto invia i primi “Viceré”
  • La Sicilia, con Alfonso, inserita in una politica mediterranea molto più grande, ma questa ci appartiene solo in parte
Read More

San Leucio 1832

Posted by on Set 28, 2021

San Leucio 1832

Quando Re Carlo Borbone, gloriosa memoria, diè opera alle maraviglie di Caserta, che noi altra volta descriveremo, trascurò tai luoghi quasi per lasciare in quel campo delle sue magnificenze alcun cantuccio al figliuol suo ove pur potesse imitarlo. E Ferdinando, mentre proseguiva l’edificio di quelle Regie Case, siccome amor di caccia e di più agreste ritiro inducevalo, nel 1775 murato il gran bosco di S. Leucio per cinque miglia e mezzo di giro, di una eminenza si fabbricò ivi un casinetto, o piuttosto riposo di cacciatore lo stesso Belvedere andò poi restaurando ed ampliando…

Aniello Langella

fonte

San Leucio 1832 – VesuviowebVesuvioweb

Read More

Il Trecento, in Sicilia, quando la lingua siciliana soppianta tutte le altre/ Storia della Sicilia del professore Massimo Costa 22

Posted by on Set 26, 2021

Il Trecento, in Sicilia, quando la lingua siciliana soppianta tutte le altre/ Storia della Sicilia del professore Massimo Costa 22
  • Il Regime dei “Quattro Vicari”
  • Il rapimento della Regina Maria
  • Dissolto il potere regio, finalmente un po’ di pace tra le signorie siciliane
  • I Chiaramonte stavano per diventare una dinastia nazionale?
  • Ma i baroni preferiscono un re straniero debole a un re siciliano forte
  • La morte senza eredi del Re d’Aragona attira la Sicilia definitivamente nell’orbita iberica
  • L’energico vicariato della Regina Bianca e la morte prematura di Martino il Giovane, ultimo re proprio di Sicilia
  • Il brevissimo regno di Martino II il vecchio
  • Una nuova, ultima, guerra civile durante l’interregno: la Regina Bianca contro il Gran Giustiziere Bernardo Cabrera
  • Cosa restò del lungo Trecento siciliano e cosa andò perduto
Read More