Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

CLAUDIO SALTARELLI RINGRAZIA IL PROF. ALESSANDRO BARBERO

Posted by on Mar 13, 2020

CLAUDIO SALTARELLI RINGRAZIA IL PROF. ALESSANDRO BARBERO

Qualche giorno fa alla The Spark di Napoli, dove abitano gli “Italiani nati a Napoli”, il Prof. Alessandro Barbero ha parlato di storia in un convegno organizzato dalla suddetta The Spark in collaborazione “Lezioni di Storia Festival” e ha avuto il buon cuore di citare il mondo identitario napolitano ricordando che è composto solo da “4 gatti”.

Il Prof. Barbero ha dimostrato di avere simpatia, affetto e considerazione per il nostro mondo nonostante sia composto da un numero veramente esiguo di persone, per l’esattezza 4 gatti, e questo ci rende veramente felici per questa inattesa ribalta soprattutto perché c’è stata regalata da uno dei più noti volti televisivi che è anche un grandissimo storico, tra i piu grandi che il mondo scientifico mondiale ha tra le sue fila, ed esperto medievalista. Perché tanta considerazione è difficile capirlo ma alla fine poco importa perché a noi basta sapere che siamo nei pensieri di un illustre personaggio di Torino, pur essendo  “4 gatti”, e per questo ringrazio pubblicamente il Prof. Alessandro Barbero  a nome personale ma credo di rappresentare il pensiero di tanti o meglio dire di pochi…..gatti.

Per permettere al Prof. Alessandro Barbero  di essere sempre più orgoglioso di noi Napolitani, insorgenti, lazzari, sanfedisti, briganti, borbonici ecc  ecc e di legittimare la stima che nutre per questo esiguo mondo, lo invito a vedere, qualcuno potrebbe informarlo perche certamente non leggera il presente, come a Scurcola Marsicana dove 18 gennaio 2020 oltre ai 4 gatti napolitani, alla comunità Scurcolana c’erano 4 sindaci della repubblica italiana, con tanto di fascia tricolore, s’è ricordata la strage orrenda commessa non dai nazisti ma dall’esercito Piemontese del 22 e 23 gennaio 1861 e dove furono giustiziati e bruciati in piazza circa 80 persone, di cui si conoscono solo 12 nomi, e del rastrellamento di altre 300 persone arrestate di cui si son perse qualsiasi traccia. Volevo anche aggiungere che il grasso dei cadaveri insorgenti “abbruciati” i Piemontesi lo mischiarono che le patate per farlo mangiare alla popolazione in loco.

Il Prof. Barbero sarà ancora più contento e sempre più orgoglioso dei 4 gatti quando saprà che durante la commemorazione è stata scoperta un’epigrafe, di seguito riportata,

a ricordo della suddetta strage e con la presente gli anticipo che sono tante, e saranno sempre di più, le commemorazioni  che si tengono nell’Italia Peninsulare, gia Regno,  a ricordo dei tanti crimini commessi per volontà della feroce tirannica dittatura nata con l’Unità d’Italia e durata per alcuni decenni per sottomottere e colonizzare l’antico Regno delle Due Sicilie, già di Napoli e Sicilia.

di seguito l’ultimo articolo scritto dove ci sono tutti i video relativi agli interventi del 18 gennaio 2020.

di seguito ancora tutti gli articoli dedicati agli eventi di Scurcola Marsicana che sono pubblicati sul blog dell’associazione identitaria alta terra di lavoro i cui articoli sono letti da circa 1000 persone al giorno, il contatore registra le letture e non i “mi piace”, che fa capire come il Prof. Barbero è dotato di grande intuito perchè i gatti saranno anche 4 ma di razza buona!!!

https://www.altaterradilavoro.com/?s=SCURCOLA+MARSICANA

Claudio Saltarelli

Pres. Ass. Id. Alta Terra di Lavoro

(uno dei 4 gatti)

1 Comment

  1. avessi un recapito del ministro della cultura, ma sennò del presidente Mattarella, questo articolo lo invierei io perché si rendano conto di che cosa fanno circolare tramite lauti stipendiati, ovviamente coi soldi delle nostre tasche, in sfregio del sentimento e della verità che tanti consapevoli cittadini onorano come possono con proprie iniziative di approfondimento e testimonianza… Che vergogna che si continui a propagare insulti alla memoria del vissuto tragico di tante, anzi tantissime comunità di questa disgraziata nazione, oggi tricolorata. caterina ossi

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.