Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

‘O NNAPULITANO, TRASORO ‘A DEFÈNNERE-LL’UNESCO, ‘E DERITTE NUOSTE

Posted by on Mag 15, 2020

‘O NNAPULITANO, TRASORO ‘A DEFÈNNERE-LL’UNESCO, ‘E DERITTE NUOSTE

‘O Nnapulitano, trasoro ‘a defènnere

‘A lengua è nu deritto ‘e ll’Ommo e pprimm’ancora d’ ‘o Criaturo. Nce ne stanno ‘e dechiarazzione e ccummenzione ca ‘o ccunfermano
‘A Dechiarazziona Auniverzale d’ ‘e Nnazzione Aunite p’ ‘e Deritt’Aumane , ‘o Patto ‘Nternazziunale d’ ‘e Deritt’Ecunomiche, Suciale e Cculturale , ‘a Cummenzziona p’ ‘a Defesa d’ ‘e Ddeverzità Curturale (‘a deverzità d’ ‘e llengue comme princìpio d’ ‘a deverzità d’ ‘e cculture), chella ‘e Faro (‘o deritto ‘e uno e ‘e na cummunità
‘e se ne vedé bbene d’ ‘a cultura soja e dd’ ‘a purtà annanze ancora cchiú mmeglio) e cchella p’ ‘e Deritte d’ ‘o Criaturo.

Tutti ‘sti ccarte pruteggèno ‘a lengua, e ‘a cultura ‘e nu criaturo, ‘e n’ommo, e na cummunità comme nu deritto ‘e libbertà, ‘e parlà ‘e penzà, ‘e fà. E ddiceno pure ca ‘e guverne s’hanno ‘mpegnà pe ddefennere ‘e llengue , ‘a cultura e ttutte ‘sti deritte, cu ll’educazziona e ‘a scola.
‘O Nnapulitano (assieme a cchi ‘o parla…) è ccunziderato ‘na lengua troppo spìsso cu ppoco valore, quase comme si fòsse n’italiano ‘e… tèrza catècuria, mmece ca sapìmmo ca ‘a lengua napulitana vène prìmma d’ ‘a lengua ‘taliana e, primm’ancòra ca dô llatino pupulare (e nno ‘a chillo ca parlàvano a Rroma sulo ‘e dutture e mmaggistrate) arresènte ògge pure d’ ‘a presenzia ‘e ll’uósco, e dd’ ‘o ggriéco duórico, (lengue cchiù antìche d’ ‘o llatino).
Ll’Accademmia Napulitana chesto fa, a Nnapule e ffora: ‘nzegna, predeca e pprugetta spicialmente p’ ‘e ccriature ‘e Napule, pecché ‘o Nnapulitano è ‘a lengua d’ ‘e ccose bbelle

La lingua Napoletana: un tesoro da diferendere
La lingua è un diritto dell’Uomo e prim’ancora del Bambino. Esistono diverse dichiarazioni e convenzioni internazionali che lo confermano
la Dichiarazione Universale delle Nazioni Unite dei diritti umani, il Patto Internazionale per i diritti economici, sociali e politici, la Convenzione per la tutela delle diversità culturali (il rispetto per la diversità linguistica come principio delle diversità culturali), quella di Faro (il diritto per ogni individuo e comunità di godere del proprio patrimonio culturale e di vederlo arricchito) e la Carta dei diritti del Bambino.
Tali convenzioni e dichiarazioni tutelano la lingua di un individuo e specie del bambino e di una comunità, come diritto alla libera espressione, di parola e di pensiero, d’azione.
Ed impegnano inoltre gli stati a tutelare le diversità culturali, linguistiche e la loro libertà attraverso l’istruzione e programmi scolastici.
Il Napoletano e chi lo parla è sovente trattato in modo degradante quasi come fosse una degradazione appunto dell’italiano, invece, al contrario esso è anteriore all’italiano e prima ancora del latino volgare (e non dotto, ovvero classico) ancor oggi risente di influenze linguistiche prelatine e cioè osche e greche (probabilmente doriche).
Per tali ragioni, in considerazione anche di un patrimonio letterario antico di quasi mille anni, l’Accademia Napoletana si prodiga per l’insegnamento e la diffusione della nobilissima lingua napoletana e ciò soprattutto per le nuove generazioni di napoletani, a Napoli e fuori, perché il Napoletano è la lingua delle cose belle!

Da : http://www.ilsudsiamonoi.it/o-nnapulitano-trasoro-a-defennere/


‘A lengua Napulitana, ll’Unesco, ‘e deritte nuoste

Ll’Accademmia Napulitana sta purtànn’annanze ‘nu pruggetto assaje ‘mpurtante p’ ‘a lengua napulitana, a Nnapule e ffora

‘Nnanz’a ttutto cu ‘o primmo Corzo ‘e Lengua Napulitana cunfromme a cchello ca dice ll’Airopa pe ‘nzegnà ‘e llengue (‘o chiàmmano QCER) ‘o primmo sotto ‘a tutèra d’ ‘o Commune ‘e Napule e cchisto è ‘nu fatto assaje ‘mpurtante pecché p’ ‘a primma vòta ce sta ‘nu metodo pe ‘mparà ‘sta bbella lengua nosta, arrecunosciuto pe nn’autorità ‘taliana. Ma pure pe mmàna furastèra.

Siconno: Ô 21 ‘e fevraro ca fosse “a Jurnata ‘Nternazziunala d’ ‘a Lengua Materna”, Massimiliano Verde à scrìtto a ll’Unesco ‘na bbella carta pe ffà sapé comme ‘sta lengua, che è ‘a primma lengua d’ ‘e ccriature napulitane, ‘a na parta è bbella assaje e ttutto ‘o munno ‘a vò bbene ma sfurtunatamente cca, ‘nterr’a ll’Italia, vène purtata comme a ‘na lengua ‘e sciéme, ‘gnurante o peggi’ancora ‘e mafiuse.

Picciò Massimiliano à penzato e ppurtà ‘sta quistione annanze a ll’Unesco pe vvedé che s’hadda fà per ttuterà ‘sta lengua e primma cosa p’ ‘a purtà dint’ ê scole d’ ‘a Campania,visto ‘nfatte ca vulìmmo tuterà e ddefennere ‘a curtura nosta. Nu ssulo: p’ ‘a fà arrecunoscere comme patremmonio ‘e tutta ll’Aumanità (si sulo penzàmmo ‘a museca, ‘a canzona, ‘a litteratura, ‘o mmagnà, ‘a puèsia, ecc.).

‘O fatto nu’ffennesce cca pecché ll’Accademmia Napulitana vò fà ‘e ‘sta lengua pure n’accasiona ‘e fatica p’ ‘e ggiuvene ‘e Napule (‘o ffanno ‘e furastiere e cce vénneno pure!) pecché cu ‘o Nnapulitano tanti bbelli ccose se ponno fà!

La lingua napoletana, l’Unesco, i nostri diritti.

L’Accademia Napoletana sta conducendo un progetto molto importante per la lingua napoletana, a Napoli e fuori.

Innanzitutto col primo corso di lingua napoletana che segue le indicazioni del QCER (Quadro Comunitario Europeo per la conoscenza delle lingue), il primo riconosciuto da un’istituzione pubblica italiana (Comune di Napoli) con patrocinio e questo è un fatto molto importante perché per la prima volta esiste un metodo ad hoc per imparare la nostra bella lingua napoletana, riconosciuto anche all’estero.

In secondo luogo: il 21 di Febbraio in occasione della Giornata Internazionale della Lingua Materna, Massimiliano ha scritto all’Unesco un’accurata lettera per portare a conoscenza della medesima istituzione, che questa bella lingua che è la prima lingua dei bambini napoletani, da un lato è magnificata nel mondo ma purtroppo in Italia è considerata come qualcosa che si riferisce all’ignoranza, alla stupidità o peggio ancora al fenomeno mafioso.

Per tali ragioni Massimiliano ha pensato fosse arrivato il momento di portare tale questione all’attenzione dell’Unesco per verificare quanto possibile per tutelare e portare nelle scuole della Campania il suo insegnamento, dato che vogliamo difendere la nostra cultura. Non solo: l’Accademia ha presentato una proposta per far riconoscere la lingua napoletana (in una o più delle sue numerose espressioni: musica, letteratura, enogastronomia, poesia, ecc.) come patrimonio immateriale culturale dell’Umanità.

Ma non finisce qui in quanto l’Accademia lavora per fare della lingua Napoletana un’occasione di lavoro per i giovani di Napoli (i non napoletani lo fanno e ci vendono anche i loro prodotti!) perchè con la lingua napoletana si possono davvero realizzare cose molto importanti!

Massimiliano Verde  Presidente Notre Napule ‘a Visionaire

Presidente Accademia Napoletana
Da: http://www.ilsudsiamonoi.it/lengua-napulitana-llunesco-deritte-nuoste/

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.