Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

L’ASS.ID.ALTA TERRA DI LAVORO CON FERNANDO RICCARDI A CASA DI UMBERTO DE ROSA

Posted by on Lug 12, 2020

L’ASS.ID.ALTA TERRA DI LAVORO CON FERNANDO RICCARDI A CASA DI UMBERTO DE ROSA

Nel prestigioso programma televisivo di Umberto De Rosa anche la nostra Associazione ha avuto il piacere e l’onore di essere presente grazie allo storico Laborino Fernando Riccardi, che è anche un socio fondatore, dove ha parlato sul 1799 con delle novità storiche interessanti.

Come è nel nostro stile in questo frangente ci asteniamo nel dare qualsiasi tipo di giudizio perchè parlare di se stessi non è cosa corretta e lo facciamo fare ad altri, vi invitiamo solo a vedere di seguito la puntata.

Read More

L’alta Terra di Lavoro non votò per l’annessione al Regno d’Italia

Posted by on Lug 7, 2020

L’alta Terra di Lavoro non votò per l’annessione al Regno d’Italia

Il 26 ottobre del 1860, a Teano o giù di lì, ci fu lo storico incontro tra Garibaldi e Vittorio Emanuele II. A conclusione della sua mirabolante impresa l’avventuriero nizzardo depose nelle mani del re sabaudo l’intera Italia meridionale con tutta la sua storia e i suoi tesori. Fatto ciò, deluso da come le cose stavano evolvendo, quasi di soppiatto per non fare rumore, decise di ritirarsi nella selvaggia quiete di Caprera. 

Read More

Il mistero della cassa dei Mille

Posted by on Lug 6, 2020

Il mistero della cassa dei Mille

Qualche anno fa Fazi Editore ha pubblicato un romanzo storico di Paolo Ruffilli dal titolo “L’isola e il sogno” interamente dedicato alla vita, breve ma avventurosa, di Ippolito Nievo, l’autore de “Le confessioni di un italiano”. . Ippolito era nato nel 1831 a Padova da un’agiata famiglia. Giovanissimo aveva partecipato ai moti del 1848.

Read More

PAPONE, CAPRILE E IL FERNANDO RICCARDI BAMBINO

Posted by on Apr 26, 2020

PAPONE, CAPRILE E IL FERNANDO RICCARDI BAMBINO

Caprile casale di Roccasecca ai piedi della montagna Sacra dove è nato San Tommaso d’Aquino è un piccolo borgo ma dalla grande storia come spesso abbiamo evidenziato in questo blog. La meravigliosa Chiesa Parrocchiale di Santa Maria delle Grazie che sovrasta l’accogliente piazzetta ha sul suo campanile un orologio Borbonico cheè un unicum per il tipo di funzionamento. Sulla facciata che guarda la pianura del Liri impera un affresco di San Cristofaro risalente al XVII sec. che salutava i viandanti e i pellegrini Laborini che transitavano di li come oggi accoglie i visitatori armati di macchine fotografiche e video camere.

Read More