Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

È tutta ‘na recita… di Erminio De Biase

Posted by on Lug 2, 2022

È tutta ‘na recita… di Erminio De Biase

            Fino a pochi giorni fa ero fermamente convinto (e – sono certo – lo siano tutti quelli che ora mi stanno leggendo) che la Corte Costituzionale fosse un organo, creato nel 1956, per controllare e garantire la costituzionalità, per l’appunto, di ogni provvedimento legislativo emanato dal Parlamento, dal Governo, dalle Regioni o da chi per essi.

Read More

Non solo Pontelandolfo e Casalduni…

Posted by on Giu 22, 2022

Non solo Pontelandolfo e Casalduni…

         Dieci giorni dopo quel maledetto 14 agosto 1861, a Fragneto Monforte, un paesino placidamente adagiato su una collina tra le tante che si alternano tra Pontelandolfo e Benevento, in località Cupa di Mezzo, una zona oggi chiamata Passarielli, sette abitanti del posto furono freddamente fucilati dai piemontesi.

Read More

Scusate, non è stata colpa mia

Posted by on Giu 11, 2022

Scusate, non è stata colpa mia

Oggi, 11 giugno 2022, nella Sala del Lazzaretto del Complesso Monumentale dell’ex Ospedale della Pace, sponsor culturale dell’evento la Direzione del Museo delle Arti Sanitarie, si sarebbe dovuta tenere una manifestazione unica nel suo genere.

Read More

Giovanni e… Maria Sofia di Erminio De Biase

Posted by on Mag 28, 2022

Giovanni e… Maria Sofia di Erminio De Biase

            Sabato scorso, nell’ambito dell’ottava edizione della manifestazione “Le Mani in pasta”, la bottega di Giovanni Carusio di via Ponti Rossi, ha presentato la sua ultima creazione: una statuetta riproducente l’ultima Regina di Napoli: Maria Sofia von Wittelsbach, una romantica diciannovenne ribelle, indomita, tenace, orgogliosa, anticonformista, dal corpo slanciato e con due occhi profondamente turchini[1] incastonati in un volto che rispecchiava tutta la sua risolutezza.

Read More

NAPOLI CONQUISTA IL MONDO

Posted by on Apr 8, 2022

NAPOLI CONQUISTA IL MONDO

“Ih quant’ è bbella Napule
pare ‘nu franfellicco
ognun’ vene, allicca
e senne va!”

Così scriveva un Anonimo nel ‘600 paragonando Napoli al bastoncino di zucchero colorato che, ancora oggi, si vende nelle feste popolari.
Ovviamente era una satira politica sul fatto che Napoli veniva utilizzata per i propri scopi dalle varie dominazioni.
Satira valida, sicuramente, ancora oggi e non solo per Napoli ma per tutto il Meridione.

Read More