Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

PIERO RICCI CON LA SUA PICCOLA ORCHESTRA ECLETNICA SBARCA NELLA CAPITALE, NAPOLI

Posted by on Feb 5, 2024

PIERO RICCI CON LA SUA PICCOLA ORCHESTRA ECLETNICA SBARCA NELLA CAPITALE, NAPOLI

La visione “visionaria” di Piero Ricci di creare un’orchestra con al centro la zampogna e il resto gli gira attorno, doveva prima o poi arrivare a Napoli, una volta Capitale politica ed oggi solo musicale, che ha sempre avuto un rapporto molto stretto ed intimo con lo strumento di nostro Signore che in passato ha portato Paisiello a scrivere una sinfonia per Zampogna per volontà S.A.R. Ferdinando IV di Borbone, ancora oggi quando gli zampognari durante le feste di Natale suonano per la città si vedono napoletani che si fanno il segno della croce nell’ascoltarli. Questo importante evento è accaduto il 28 dicembre 2023 presso LA CHIESA DELLA ASCENSIONE A CHIAIA ospiti di Don Giuseppe Carmelo organizzato dal Centro Culturale Popolare nello storico quartiere napoletano a pochi passi dalla casa dove è nato Peppino De Filippo

Quartiere di Chiaia a Napoli è un quartiere di “transizione” nato nella Napoli Ispanica, sviluppato dai Borbone per diventare il quartier generale della neo borghesia napoletana post unitaria quando la città è divenuta capoluogo di provincia da Capitale di antico Regno. Una città che non è diventata provinciale perchè secoli di aristocraticità non si cancellano in pochi anni ma ha contribuito a far nascere gli italiani nati a napoli che ha visto la sua culla proprio al quartiere di Chiaia per poi trasferirsi al Vomero. Quartiere che ancora oggi si mescola con il borgo dei pescatori che non gli ha fatto smarrire del tutto il senso di aristocraticità dove s’è esibita l’arte della “belle epoque” di fine ottocento che ha scritto pagine importanti della cultura planetaria, anche in questo caso Napoli è capitale della cultura. Palcoscenico dove residievano i nuovi ricchi che si atteggiavano a nobili, partoriti dal neo nato Regno d’Italia in salsa Savoia, che per la loro goffaggine a Napoli chiamano “le meze cazette” i nostri cafoni arricchiti per intenderci, derisi e ben rappresentati dal Teatro di Scarpetta che li aveva la residenza e che pensava di sostiure Pulcinella con “Felice Sosciammocca” fallendo clamorosamente, ma a cui bisogna riconoscergli di avere inventato un nuovo teatro divenendo il ponte tra la commedia dell’arte e quello del figlio Eduardo che ha creato una forma teatrale unica ed irripetibile che ancora oggi nessuno riesce a scavalcare nella letteratura come nella recitazione.

Spesso ho seguito i ragazzi di Piero nei loro vari concerti ma questa volta si percepiva e si respirava un’aria diversa con gli artisti che avevano intuito di stare a suonare in un luogo particolare davanti ad un pubblico che in tutto i suoi componenti è stato attento dalla prima all’ultima nota immerso nel “silenzio cantatore” che se non hai le spalle larghe ti fa tremare le gambe facendoti fare brutta figura cosa che non è accaduto per la bravura e la concentrazione degli artisti molisani ponendosi sullo stesso piano dei presenti. Non poteva mancare aimè, la solita giustificazione da parte di chi ha accolto, sempre con la consueta dolcezza e gioia, di non conoscere bene il Molise cosa a cui non avremmo assistito nel centro storico cuore pulsante dell’aristocraticità napoletana, eppure il Molise si trova al centro del mediterraneo crocevia dei popoli italici (in primis i Sanniti) e pre italiaci, dove ci sono testimonianze della civiltà umana uniche e dove nasce, come in tutto il Regno, prima il mito e poi la storia, se andate al museo paelolitico di Isernia e capirete perchè. A Pietrabbondante si rimane incantati dal sito archeologico Sannita con il teatro dove ci sono sedute ergonomiche che non so se si trovano in altri luoghi e se vi spostate al sito archeologico di Sepino vi sembra di salire sulla macchina del tempo che vi porta indietro di 2000 anni. Il Molise terra di grandissima spirtitualità e aristocraticità cattolica, ad Agnone costruiscono da secoli campane che vanno in giro per il mondo, che trovi in ogni angolo della regione che ha dato i natali a Celestino V, ma anche ad illustri pensatori come Vincenzo Cuoco, come a grandi politici come Nicola Santangelo e a Vincenzo Tiberio che si può considerare il padre della pennicillina. Il Tratturo è una delle opere pubbliche più importanti della storia costruito per volontà degli Aragonesi quando sedevano sul trono di Napoli e disseminati per tutto il territorio troviamo Castelli di qualsiasi epoca come quello di Monteroduni che per secoli è stato dimora dei Principi Pignatelli. Il Laborino Filippo Cirelli ha scritto, incompiuta per prematura scomparsa, una importante opera sul Molise che ci fa capire l’importanza e la grandezza della Regione e di cui, purtroppo, ne sono poco consapevoli proprio i molisani che inquinati dal provincialismo sono i primi loro a giustificarsi della loro provenienza ignorando che quando vanno in giro per il mondo lo fanno sulle spalle di un gigante. Sono ampiamenti perdonati perchè è caduta sulle loro teste una “damnatio memoria” terribile e costruita scientificamente, come per tutte le regioni dell’ex Regno, e la maledizione biblica di Cesare Abba ” meritereste che su di voi non venisse più né pioggia né rugiada, fin che durerà la memoria dei nostri, ingannati e messi in caccia e uccisi pei vostri campi e pei vostri boschi!… “con l’intento di cancellare la Storia del Molise inserita nel Regno di Napoli, per comprendere bene la lombrosiana operazione basta rileggersi Milan Kundera. Se il disegno è quasi fallito lo dobbiamo anche Piero Ricci prezioso e aristocratico artista, ‘O Zampugnaro d’O RRE, come il virtuoso Tartufo Bianco molisano che tutti vogliono per le sue carattestiche uniche e poco valorizzato dalla classe dirigente colonizzata dall’Unità, che con la sua musica fa conoscere l’essenza, l’entità della sua gente e della sua terra come è accaduto a Napoli in quella magica sera del 28 dicembre dove tutti i presenti alla fine hanno compreso cosa è il Molise grazie alla Piccola Orchestra Ecletnica, di seguito il video integrale

Claudio Saltarelli

Read More

INCONTRO CON ERMINIO DE BIASE PER PARLARE DI “GARIBALDI MA QUALE EROE!”

Posted by on Gen 25, 2024

INCONTRO CON ERMINIO DE BIASE PER PARLARE DI “GARIBALDI MA QUALE EROE!”

L’eroe dei due mondi ce lo facciamo raccontare dallo storico dei due mondi, ovvero Giuseppe Garibaldi magistralmente descritto da Erminio De Biase che ce lo narra in una veste insolita nel suo ultimo lavoro “Garibaldi ma quale eroe!”. Dopo averlo letto in pochi giorni venerdì 26 gennaio 2024 alle ore 21 mi intratterò in una “chiacchierata” con Erminio per la rubrica “Incontro con l’autore”, come ci ha promesso ci saranno bellissimi fuochi d’artificio e per vederli cliccare di seguito

Read More

CON FERDINANDO IV DI BORBONE EMILIO GIN SMONTA BENEDETTO CROCE

Posted by on Gen 22, 2024

CON FERDINANDO IV DI BORBONE EMILIO GIN SMONTA BENEDETTO CROCE

La storia Patria Italiana, soprattutto per i primi 80 anni dopo il 1860, si fonda sugli studi e sulle tesi di Benedetto Croce che ha speso una vita a studiare la Storia con immense ricerche sul Regno di Napoli fin dagli albori, dal suo punto di vista ovviamente. Un liberale italiano quindi fazioso e anticattolico utilizzando i monumentali studi,questo è un gran merito, per far passare e rafforzare le opinioni personali che denigravano e in alcuni casi ridicolizzavano, la grande storia di un Regno che ha contribuito a scrivere, da protagonista, la storia universale. Il bersaglio preferito di Benedetto Croce, ricordo che aveva legame parentale molto stretto con Silvio Spaventa suo zio e tutore, sono sempre stati i Borbone di Napoli pur riconoscendo, alla fine della sua vita, che forse nel Regno delle Due Sicilie le cose non andavano così male, comportamento simile lo ha avuto anche Giuseppe Galasso. Grazie alla sua volontà sono stati rimessi al centro della storia italiana i protagonisti della Repubblica Napoletana che la storiografia risorgimentale voleva cancellare perché  ritenuta una vergogna che macchiava la retorica nazionale basata sulla cacciata delle straniero mentre i repubblichini da operetta napoletani nella loro vicenda, che è durata poche settimane, aiutarono lo straniero francese ad invadere la Patria Napolitana, ricordo solamente quello che fecero a Castel San’Elmo o agli Incurabili, come ricordo che un altro padre della patria come Mazzini li ha condannati in un suo saggio. Ferdinando IV lo ha fatto passare sempre come un incapace dedito solo ai piaceri della vita e se qualcosa è stato fatto di buono il merito è della Regina Maria Carolina, teoria che ha dettato le linee guide alla storiografia italiana che ancora oggi è condizionata dai suoi studi e che la rendono provinciale e antistorica.

In contrapposizione alle teorie del Croce e della vulgata dominate, c’è una vastissima saggistica figlia di accurate ricerche d’archivio e bibliografiche che viene prodotta con onestà intellettuale e professionalità da studiosi non accademici, ma semplici appassionati dalla comprovata bravura e specchiata onestà che da decenni lavorano e studiano nell’oscurità riuscendo a ritagliarsi degli spazi nella palude della storiografia ufficiale.

Da qualche anno, però, anche il mondo accademico comincia a porsi qualche domanda e ci sono professori che sentono la necessità di distinguersi dai prezzolati che dominano l’Università Italiana dando un contributo importante al ripristino di verità storiche che come abbiamo visto sono state cancellate o modificate, fornendo un contributo di altissimo livello inattaccabili sotto tutti i punti vista, mettendo in imbarazzo la vulgata dominante e la narrazione ufficiale. Un docente universitario che grazie alla sua capacità e alla sua onestà intellettuale che considero un principe della ricerca storica scientifica, è certamente Emilio Gin Professore all’Università degli studi di Salerno che da sempre rivolge i suoi studi sulla storia che va dal XVIII secolo fino al risorgimento e che personalmente ho molto apprezzato nel suo primo lavoro “Santa Fede e congiura antigiacobina” scritto nel 1999 dove si parla delle insorgenze nel Regno evidenziando quella che operava nella città di Napoli molto attiva e tenace. Il suo ultimo lavoro che definisco un capolavoro, è “Ferdinando IV di Borbone” (il regno di napoli e il grande gioco del mediterraneo) edito da Rubettino dove emerge il “Re dei Lazzaroni” in una forma e in una essenza completamente diversa da quella che la vulgata dominante fa apparire da decenni mettendo in discussione le tesi di Benedetto Croce. La politica estera dei Borbone di Napoli fin dall’inizio con Carlo è sempre stata impostata sulla ricerca della neutralità con l’ambizione di far diventare il Regno di Napoli una media potenza nella consapevolezza che non era possibile affiancarsi alle potenze Imperiali dell’epoca, cosa che aveva anche capito per il neonato Regno di Italia Giolitti quando era al potere.

Carlo quando divenne III di Spagna e nonostante lasciò scritto sull’obelisco di Bitonto

“CAROLO HISPANIARUM INFANTI
NEAPOLITANORUM ET SICULORUM REGI
PARMENSIUM PLACENTINORUM CASTRENSIUM DUCI
MAGNO AETRUSCORUM PRINCIPI
QUOD HISPANICI EXERCITUS IMPERATOR
GERMANOS DELEVERIT
ITALICAM LIBERTATEM FUNDAVERIT
APPULI CALABRIQUE SIGNUM
EXTULERUNT”     

non accettò mai che Napoli potesse emanciparsi dalla tenaglia Borbonica ed Asburgica che in quel secolo dominava in Europa continentale e ostacolò sempre suo figlio Ferdinando, divenuto Re di Napoli quando lui divenne Re di Spagna, che invece voleva rendere il suo Regno autonomo ed indipendente e non una costola dei Borbone di Spagna e Francia.

Emilio Gin grazie ai suoi studi che so iniziati anni fa, ci fa conoscere un Ferdinando IV con una grande capacità di statista che sapeva muoversi nello scacchiere internazionale dell’epoca con intelligenza e pazienza senza mai perdere la fiducia verso la sua visione nonostante i continui rifiuti di suo padre Carlo di dargli una legittimità internazionale. Aveva capito che tutto passava per il mare e fin dall’inizio concentrò i suoi sforzi politici ed economici alla creazione di una flotta che se non poteva competere con le potenze straniere, in Italia primeggiò e riuscì a far diventare il suo Regno neutrale e una media potenza. Grazie all’importazione del ferro utile per la costruzione della sua flotta, riuscì a strappare il primo e tanto sudato trattato internazionale con la Russia e Gin, grazie al suo lavoro, ci fa comprendere perché il Regno fu la prima nazione che legittimò la Repubblica Francese nata dopo il 1789. Grazie altresì a questi studi, posso affermare che con Ferdinando IV nascono i Borbone di Napoli che si emangipano dalla subalternità in cui Carlo III voleva lasciarli nel periodo in cui i nazionalismi si consolidarono, con una posizione nella geopolita autonoma e indipendente che durerà fino alla sua fine essendone la causa, per questo possiamo dire con orgoglio che il Regno è terminato con Onore e Dignità. I suoi rapporti con Tanucci e Acton sono descritti all’opposto di come noi li abbiamo conosciuti fino ad ora, grazie sempre dal “Croce Nazionale” e soprattutto la collaborazione con il cattolico Acton erano improntanti su il rispetto e fiducia reciproca. Sulla Regina Maria Carolina grazie alle ricerche di Emilio Gin, abbiamo scoperto che mai ha avuto un ruolo importante nella vita politica del Regno rappresentando per Ferdinando IV solo un affare di Stato, che ha gestito con grande capacità e pazienza anche quando dovette andare oltre la diffamazione dell’ambasciatore Spagnolo che cercava di screditarlo a livello internazionale strumentalizzando la vita extraconiugale dell’asburgica. La gestione dalla Sicilia sulle drammatiche vicende del 1799, l’ha sempre fatta in prima persona e tutte le decisione prese sono state solo sue come le scelte sulle capitolazioni dei tre castelli napoletani con Nelson che agiva sotto i suoi comandi tranne a Procida dove ebbe fretta di giustiziare i traditori giacobini procidani e non è un caso che non se ne parla mai perché inquinerebbe la retorica repubblichina.

Unico disaccordo che posso avere è sull’analisi dei giacobini come su i sanfedisti, perché ad Emilio Gin sfugge che per la prima volta nel Regno ci fu una drammatica spaccatura tra il popolo e la neonata liberal-borghesia e che gli atti di violenza, che in alcuni casi sfociò nella crudeltà come spesso accade nei fraticidi, era solo una reazione alle misfatte, ben peggiore degli insorgenti, dell’esercito invasore francese e dell’alto tradimento di cui si macchiarono i fiancheggiatori giacobini napolitani, un esempio sono i fatti di dell’Eccidio di Isola Liri del 12 maggio 1799. Sul testo posso solo dire che quando mi è arrivato tra le mani, anticipato da un’attesa pluriennale e tanto decantato, vedendolo di solo 140 ho pensato che non avrebbe soddisfatto le mie attese ma nel leggerlo sono rimasto folgorato dalla capacità di sintesi e comunicativa del docente salernitano, non comune negli accademici. L’impostazione non è crociana storicizzando i fatti, ma sono legati tra di loro con un’impostazione vichiana rendendo il libro fruibile a tutti e non rivolto ad un pubblico di nicchia, stile tipico di chi ha nella conoscenza e nella libertà la sua forza, di seguito alcune informazioni

Indice dei nomi 5 pag.

Fonti archivistiche e bibliografiche 10 pag.

Fonti per introduzioni 18 pag.

Con ricerche effettuate in italia e all’estero che fa capire la portata del lavoro e che apre, partendo da una posizione accademica quindi autorevole, un nuovo scenario sulla storia dei Borbone di Napoli e sull’ultimo secolo e mezzo di vita del Regno. C’è ancora da scrivere sul Ferdinando dopo il 1799 fino alla sua morte dove, secondo il mio modesto parere, “non ne azzeccò una”, come sui rapporti tra casa regnante e massoneria non sempre cristallini, Raimondo Rotondi ci indica la strada da seguire, su le due correnti politiche Ro-mo (rivoluzione o morte) a cui appartenevano gli asserragliati di Castel Sant’Elmo e Lo-mo (libertà o morte) più concilianti con la corte e sui i rapporti Stato e Chiesa nella piena ubriacatura illuminista di cui fu vittima tutta l’Europa nel ‘700 e di cui ancora oggi ne subiamo i nefasti effetti.

Claudio Saltarelli 

clicca qui per acquistarlo

Read More

MARIA SOFIA L’ULTIMA REGINA DEL REGNO DELLE DUE SICILIE OSTACOLA LA “CONQUISTA DEL SUD”

Posted by on Gen 6, 2024

MARIA SOFIA L’ULTIMA REGINA DEL REGNO DELLE DUE SICILIE OSTACOLA LA “CONQUISTA DEL SUD”

ALLA SCOPERTA DELLA GIOVANE REGINA MARIA SOFIA.

Prima di presentare il volume, La Regina del Sud, devo fare qualche riflessione sul libro Terronidi Pino Aprile. Il giornalista Marco Demarco nel suo testo “Terronismo” sminuisce l’opera di Aprile:“l’eccessiva retorica risorgimentale svelando il volto violento, repressivo e anche coloniale dell’intervento sabaudo”. 

Read More